Maestro esperto CSEN e Master Yoga Teacher riconosciuto da Yoga Alliance (Divisione Italia) e le Associazioni “sorelle” Yoga Alliance International (Divisione Australia) e Yoga Alliance International Worldwide.
Pratica Yoga e Arti Marziali orientali dal 1973; è Maestro d’Armi (Coreografo di combattimenti per il Teatro il Cinema e la Televisione, specializzato in tecniche di spada, bastone lungo e bastone corto) ed ha lavorato a lungo come Danzatore e Attore professionista.

Oltre che in Italia ha lavorato in Spagna, Grecia, Olanda, Irlanda, U.S.A. (New York), Egitto, Turchia, Singapore, Thailandia, Cina.

Yoga Alliance International worldwide mi considera uno dei dieci più importanti maestri contemporanei; direi che è un grande onore, anche se la designazione, avvenuta nel 2016, oltre che a riempirmi di soddisfazione mi ha sorpreso un po’: rispetto ai miei maestri mi sento come un pulcino bagnato.

Praticavo yoga già da bambino, spontaneamente, ma ho cominciato a studiare con regolarità ufficialmente nel 1973. La pratica dello yoga era molto diffusa nella Livorno dell’epoca – sono nato a Livorno il 1° febbraio del ’60 – grazie a quelli che chiamavamo “gli scappati di casa” ovvero i post- hippies e i reduci del movimento del’68 che si erano rifugiati in India, in Nepal. Gli scappati di casa nell’andirivieni con l’India, insieme a gioielli, tarocchi, statuette devozionali, Sari dai colori sgargianti, si portavano dietro preziosi frammenti della tradizione Hindu mescolati a idee bizzarre e a un confuso sincretismo filosofico e religioso. Spesso, gratuitamente, solo per il gusto di condividere, ci insegnavano Āsana, Vinyāsa, Mantra e tecniche di meditazione provenienti da varie scuole e lignaggi.
Ci ritrovavamo sul mare o nell’unico parco della città – Villa Fabbricotti – ci sedevamo in cerchio e aspettavamo che uno degli “scappati di casa” cominciasse a raccontare le storie di Śiva e Pārvatī, a spiegarci le parole del Buddha o a parlarci del Brahman che è l’oceano e noi, mortali, acqua racchiusa nella bottiglia del corpo. Poi si praticava; una pratica semplice ed essenziale: all’epoca non c’erano tutte le scuole e gli stili che furoreggiano oggi nel mercato della spiritualità, i più esperti tra gli scappati di casa – o i non rari indiani che, accolti come star, capitavano periodicamente – ci mostravano il loto, l’aratro, la locusta o la verticale sulla testa; ci insegnavano a controllare il respiro e a srotolare la “serpentessa”, come chiamavamo Kuṇḍalinī. Dopo qualche anno cominciammo a fare dei ritiri autogestiti all’Isola di Capraia, soprattutto in Primavera e prima dell’Estate. Giocavamo a fare i Sadhu: si dormiva nelle grotte, e ci si svegliava prima dell’alba per lavarsi in mare – come fosse il Gange… – si mangiava quello che trovavamo o recuperavamo dai pescatori e passavamo la maggior parte del tempo a praticare, cantare meditare tutti insieme intorno a un fuoco che restava acceso giorno e notte.

Nel 1977 cominciai a fare teatro di strada su temi tra virgolette “politici e sociali”: all’inizio erano performance di immobilità in posture spettacolari – tipo rimanere fermo in Scorpione sul tetto di una macchina o prendere la verticale in loto in mezzo alla strada per fermare il traffico – poi cominciai a fare giocoleria con il bastone infuocato – come avevo visto fare ai maestri di arti marziali del Sud dell’India – ed acrobazia sui trampoli.

Nell’82 mi trasferì a Roma per lavorare nella compagnia di Terzo Teatro “Abraxas”. Nel terzo Teatro nato dalle idee di Eugenio Barba e di Grotoski la vita della compagnia era strutturata come in un ashram: praticamente abitavamo in un parco di Roma, Villa Flora e, quando non eravamo in giro per spettacoli o per partecipare a seminari intensivi con gli attori dell’Odin Theatret, ci sottoponevamo ad un training durissimo, fino a dieci ore al giorno suddivise in sessioni di Yoga, acrobatica, musica, canto, recitazione.

Nell’83 in seguito ad una brutta caduta durante le prove di uno spettacolo – frattura del malleolo, tibia, perone – tornai a Livorno. Dopo quattro mesi di stampelle – durante i quali non interruppi, per fortuna, la pratica dello Yoga – per riacquistare la mobilità mi dedicai al Kalaripayattu e alla Capoeira.

Nell’85 mi chiamarono per la messa in scena di un’opera lirica all’Arena di Verona – Orfeo ed Euridice di Gluck – in cui una buona parte dello spettacolo era costituita da sequenze di āsana eseguite da mimi-danzatori vestiti solo di un perizoma di cotone indiano. Lo spettacolo ebbre un grosso successo, e cominciai a lavorare sia come danzatore, sia come maestro d’armi – coreografo di combattimenti – sia come attore, in teatro cinema e televisione.

Nell’87 ho cominciato a collaborare con sensei Haruiko Yamanouchi, yogin e attore giapponese, allievo di Swami Vishnudevananda. Insieme ad Haruiko ho fatto performance – in teatro e televisione – basate sulle tecniche dello Yoga e del Qi Gong fino al 1997.

Nel ‘90-‘91 ho lavorato in Oriente (Cina, Thailandia, Singapore).
Nel ’92 sono stato chiamato dal Teatro dell’Opera di Roma per dirigere un gruppo sperimentale di Mimi-acrobati il cui addestramento era basato sulla pratica dello yoga e delle tecniche psicofisiche cino-giapponesi (Wu Shu, Taijiquan, Ai Ki Do).

Tra il ’96 e il ’98 ho partecipato come performer ed esperto di Haṭhayoga al progetto di “Teatro Sacro” “Misteries of Eleusis” insieme a maestri di discipline tradizionali indiani, cinesi, giapponesi e tibetani, progetto messo in scena al BAM di New York nell’ottobre del 1998.

Tra il 2001 e il 2011 ho curato il training fisico e le coreografie degli spettacoli della compagnia integrata –formata per un terzo da attori e danzatori diversamente abili – “Superdiverso”, finanziata dal Comune di Roma.

La mia esperienza teatrale termina nel 2011 quando il mio istruttore di Advaita Vedanta, Premadharma Bodhananda, mi invita a occuparmi solo di ricerca e di insegnamento dello Yoga.

Oltre a pubblicare articoli sullo Yoga e la filosofia orientale sia su riviste online sia su testate giornalistiche come l’Unità (2003) e “Scienza & Paranormale” (2006), ha dato alle stampe 32 libri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*