Ashanti Lilavati Devi (Francesca Zanini) sogna l’India dall’eta’ di 10 anni e finalmente all’età di 20 anni approda per la prima volta a Bombay (oggi Mumbay). Per 12 anni torna ripetutamente “là”, sentendosi da subito a “casa sua”, appassionandosi e dedicandosi alla cultura indiana, alla danza e allo yoga.

Dopo essersi avvicinata per un breve periodo alle danze classiche indiane (Kathak e Bharatnatyam) si rivolge alla danza Bollywood, dal mondo della cinematografia indiana, nata proprio a Bombay. La danza bolliwood nasce da un vivace scenario di luci, colori, magia e movimento. Parte integrante di tutti i film bolliwodiani, la danza e la musica intercalano le scene del film catturando l’attenzione del pubblico con continui cambi d’abito coloratissimi, trucco e gioielli meravigliosi.

La danza bolliwood è una danza che nasce in India fondendo stili diversi, combinando danze classiche e semiclassiche o danze folcloristiche con elementi, presi dal mondo americano di Holliwood, di cabaret, jazz, disco fino ad arrivare ai giorni nostri con l’hip hop.

Gli elementi principali che troviamo nella danza bolliwood sono l’espressività, la recitazione e l’interpretazione dei brani che si stanno coreografando. Il linguaggio usato è principalmente quello delle mani, della testa e degli occhi. Il tutto arricchito da energia e vitalità.

Ed è questo che Lilavati propone nei suoi corsi di bolliwood, coltivando anche l’elemento divertimento, oltre a cenni sulla cultura indiana a cui ha dedicato tutta la vita.

I corsi sono costituiti da un riscaldamento iniziale, tecnica, studio di coreografie ispirate alla cinematografia indiana, fase finale di yoga o pranayama, saluto sacro. Il tutto nel pieno rispetto della tradizione indiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*