Il Nettare dello Yoga [T. Krishnamacharya]

Perché praticare lo yoga, qual è la meta finale? Quali sono i suoi benefici? Per quanti anni si dovrebbe praticare e quanto dovrebbe durare la pratica quotidiana? Questi gli argomenti centrali del libro.

Esso comprende la descrizione dettagliata di asana, bandha, mudra, elencandone gli effetti, e spiegando le tecniche sotto forma di vinyàsa, ovvero sequenze che conducono alla postura finale. Tratta dei canali energetici (nàdi), dei cakra e del prànàyàma, che insieme alle posture permette di ottenere il controllo del sistema nervoso, un’ottima salute e la longevità.

Scopo dello yoga è la cessazione dell’attività della mente rivolta all’esterno e poi la concentrazione sulla propria vera natura; infatti la disciplina fisica non è che una preparazione all’indagine sulla verità ultima. I suoi benefici, ossia la purificazione dell’organismo e la forza, si riflettono sulla mente rendendola stabile e lucida, non più preda di emozioni o sensazioni, e promuovono la crescita spirituale in termini di gioia ed entusiasmo.

Praticare col metodo corretto vuoi dire osservare tutte le otto branche dello yoga, ivi inclusi comportamento, meditazione e completo assorbimento della mente. Occorre applicare uno sforzo sistematico fino al raggiungimento della meta e stabilire in ogni fase i dettagli della pratica: luogo, durata e attività connesse.

Se oggi lo yoga fa parte integrante della vita di milioni di persone si deve a questo metodo: Krishnamacharya ha rinnovato una disciplina antica che stava scomparendo e l’ha adattata alla vita moderna; a lui va tale merito.

Iniziazione allo yoga & alla vita cosmica [Tina Mastandrea]

“Iniziazione allo yoga e alla vita cosmica” è un testo autodidatta con teoria e pratica, adatto a chi desidera iniziarsi o approfondire la disciplina yoga, realizzare se stesso e accedere a una nuova realtà in linea con il sé cosmico.

Il testo descrive i principi e le pratiche yoga psicofisiche fondamentali, correlate di foto, in modo semplice e chiaro, fornisce suggerimenti su come strutturare una propria lezione e fornisce le pratiche per iniziare a vivere una vita cosmica, sviluppando l’unione con il sé cosmico, i poteri psichici, la multidimensionalità e la saggezza dell’anima.

Kundalini Yoga. Il Fluire dell’Energia Infinita [Shakti Parwha Kaur Khalsa]

Questo libro costituisce una guida alla disciplina millenaria del Kundalini Yoga, secondo la tradizione condivisa per la prima volta in Occidente dal Maestro indiano Yogi Bhajan. Davvero semplice da imparare e da vivere, questa “scienza sacra” si rivela uno strumento alla portata di tutti e ideale per rinforzare il sistema nervoso, riequilibrare il sistema ghiandolare e usare in maniera ottimale la nostra energia fisica ed emotiva.

Corredato da illustrazioni esplicative, tale manuale comprende tecniche di respirazione, mantra, meditazioni ed esercizi (per principianti e non), oltre a indicazioni che sono alla base di uno stile di vita sano e armonico.

In sintesi, questa guida porterà lo Yoga nella vita quotidiana del lettore, aiutandolo a scoprire nuove vie per sentirsi più vivo e vitale, pronto ad affrontare al meglio le molteplici sfide fisiche, psicologiche e spirituali della vita di ogni giorno.

[ISBN 9788899131104 – A5 392 pp. – 20 euro]

L’Albero dello Yoga [B.K.S. Iyengar]

Uno dei celebri maestri contemporanei offre in questo libro una versione dello yoga perfettamente integrata in tutti i suoi aspetti, da quelli più spiritualmente elevati fino alle tecniche più concrete delle posture e della respirazione, che sono le radici dell’albero dello yoga.

Lo yoga, dice Iyengar, uno dei più grandi maestri del mondo, non è costituito soltanto di esercizi fisici, ma è soprattutto un sentiero spirituale. La sua è però una spiritualità che affonda le radici nella pratica, e dunque tutti gli aspetti filosofici affrontati nel libro sono direttamente collegati ad altrettanti aspetti concreti, alla pratica, cioè, delle posture e della respirazione, che sono le radici dell’albero dello yoga.

La chiave essenziale [Omraam Mikhaël Aïvanhov]

“La chiave essenziale” è l’ulteriore tassello di quel mosaico profondo che sono le conferenze del Maestro Aivahnov. Con un linguaggio lineare e accessibile, Aivanhov esprime in modo chiaro la realtà delle due nature presenti in ogni essere umano (superiore-divina e inferiore-animale) e come il solo leggere della loro esistenza ci focalizza sulla volontà di esprimerci sempre più divinamente attraverso la conoscenza e l’unione.

Si trovano nel testo riferimenti al Jnana Yoga (sentiero della conoscenza) secondo cui la liberazione (Moksha) e l’unione con Dio si possono acquisire per mezzo della conoscenza del Brahman, riconoscendo il Brahman come proprio Sé.

La causa di tutta la sofferenza e degli attaccamenti è proprio l’ignoranza metafisica che agisce come un velo e che ci impedisce di percepire la sua natura reale e divina.

La Conoscenza Spirituale dello Yoga [Thea Crudi]

Thea Crudi mostra nel suo libro il desiderio di portare un messaggio di amore nel mondo attraverso i mantra intesi come vibrazioni sonore che liberano la mente capaci di unire il mondo del visibile con l’invisibile.

Il libro è un viaggio nel mondo dei mantra grazie ai due CD allegati in cui si attraversano in maniera eclettica vari aspetti della filosofia indiana, passando dai mantra della tradizione vaishnava, a meditazioni sulla kundalini, sino ai Mantra dell’Himalaya.
Il libro spinge il lettore a vivere i canti spirituali come ponte tra ciò che è manifesto e ciò che è immanifesto.

La conoscenza spirituale dello yoga. I sacri mantra, i sette chakra, la pratica spirituale della meditazione, il messaggio di Krishna. Con 2 CD-Audio (Italiano).

La Scimmia Yoga [Sara Bigatti]

Con il suo approccio nuovo, gioioso, semplice ma efficace, questo libro rivoluziona una delle discipline più antiche del mondo, partendo dal presupposto che lo Yoga è di tutti e per tutti, e che si può intenderlo anche come un percorso giocoso, una buona “ginnastica” che rassoda, distende e armonizza il corpo e, cosa magnifica, anche la mente.

Organizzato come un vero corso, con una serie di sequenze che possono essere praticate singolarmente o insieme, “La Scimmia Yoga” entra nel vivo della pratica offrendo consigli e soluzioni per affrontare la giornata con più energia e buon umore, per essere belli, oltre che brillanti; per ritrovare il sorriso e la vitalità e, perché no, anche la gioia ristoratrice di un buon sonno.

Questo libro è a tutti gli effetti un invito a ritrovare la serenità interiore e la forma esteriore!

Le Radici dello Yoga [James Mallinson, Mark Singleton]

Un’antologia di passi tratti da oltre un centinaio di opere che, spaziando dal 1000 a. C. al xix secolo, illuminano le origini e le pratiche dello yoga nell’ambito delle tradizioni brahmanica, tantrica, buddhista e jaina.

L’enorme popolarità di cui gode oggi lo yoga in tutto il mondo ha comportato una sorta di metamorfosi: adattandosi a condizioni socioculturali lontanissime da quelle in cui ha avuto origine, esso ha finito per assumere una vita propria, svincolata dalle sue radici indiane. La quasi totale egemonia di un numero ristretto di sistemi basati sulla pratica posturale ha determinato una visione limitata e monocromatica di cosa sia lo yoga e di come esso operi, e ciò è ancora più evidente se confrontiamo questa visione con l’ampio spettro di pratiche presentate nei testi pre-moderni.

Questa antologia intende rendere accessibile una vasta gamma di testi, molti dei quali poco noti, risalenti a un’epoca che va dal 1000 a. C. al xix secolo. Benché gran parte dei passi tradotti provenga da fonti sanscrite, comprende anche materiale proveniente da fonti in lingue quali il tibetano, l’arabo, il persiano, il bengali, il tamil e così via. Questo ventaglio cronologico e linguistico rivela modelli e tratti di continuità che contribuiscono a una migliore comprensione degli sviluppi dello yoga, sia all’interno delle singole tradizioni, sia tra una tradizione e l’altra.

Il materiale qui presentato è principalmente di natura pratica, non filosofica. Benché lo yoga tradizionale non sia mai disgiunto da un particolare contesto religioso e dottrinale, o lo sia soltanto raramente, concentrare l’attenzione sullo yoga come veniva comunemente inteso nei vari sistemi permette di dare un quadro delle pratiche effettive seguite dalla maggior parte delle tradizioni. Gli undici capitoli che compongono il libro sono ordinati secondo tematiche specifiche in modo da rispecchiare le pratiche più importanti dello yoga (le posture, il controllo del respiro, i sigilli, i mantra, la meditazione) e i loro risultati (i poteri yogici e la liberazione).

Leggeri e in forma – Kundalini Yoga per la donna… e non solo! [Yogi Bhajan]

È comunemente riconosciuto che il sovrappeso e la tensione costituiscono un problema per la maggior parte degli individui nella nostra società e che queste problematiche si accompagnano frequentemente a infelicità, temperamento instabile e a bassi livelli di energia.

Le serie di esercizi di Kundalini Yoga presenti in questo testo offrono uno strumento per sfidare e superare queste situazioni problematiche. Si tratta di tecniche concepite per dare energia, disintossicare e prendersi cura del corpo e della mente: esse stimolano in maniera specifica i sistemi ghiandolare, digestivo, circolatorio e nervoso, stabilendo inoltre un equilibrio armonico tra questi ultimi e il sistema muscolare-scheletrico.

[ISBN 9788899131029 – A4 61 pp. – 10 euro]

Lo swami pallido [Paolo Proietti, Laura Nalin]

Paolo Proietti è un ricercatore serio, uno di quei rari studiosi con il quale puoi parlare di yoga da una prospettiva più ampia. In “Lo swami pallido. Storia dei gesuiti che inventarono lo Yoga”, Proietti e Laura Nalin ci regalano un libro inaspettato. In questo testo di 130 pagine, totalmente autoprodotto, gli autori ci portano al scoprire che lo yoga moderno tanto “indianizzato” in realtà è il frutto di una trasformazione occidentale partita dalla Cina.

Essi non negano che lo Yoga sia nato e si sia sviluppato in India, ma attraverso uno studio serio, ci portano a considerare, che con molta probabilità, nella trasmissione degli insegnamenti vedici e tantrici ad un certo punto  siano intervenuti studiosi e ricercatori occidentali, che hanno trasformato in maniera sostanziale alcune  tecniche e alcuni principi fondamentali di questa antica disciplina.

Ciò che oggi chiamiamo Yoga, sia nella versione più fisica attribuita a Krishnamacharya, Iyengar e Patthabhi Jois, sia nella versione più filosofica, che fa riferimento all’Advaita Vedanta di Ramakrishna, Ramana Maharishi e Nisargadatta, è stato influenzato da misconosciuti ricercatori occidentali, in gran parte appartenenti alla Compagnia di Gesù.