Meditazione

Definire la meditazione e’ piuttosto difficile, perché, in realtà, meditare non è un’azione, ma uno stato della mente, in cui non siamo attivi ma ricettivi. Tutto quello che abitualmente definiamo meditazione, sono diverse tecniche di concentrazione che predispongono la mente allo stato meditativo. E di tecniche ne esistono davvero tante… Si dice che la preghiera sia parlare con Dio e la meditazione ascoltare la sua risposta, che la preghiera sia una richiesta di unione e la meditazione l’esperienza dell’Unione.

Negli Yoga Sutra di Patanjali, in cui è descritto il sentiero ad otto passi dello yoga, la meditazione o dhyana e’ preceduta dal ritiro dei sensi all’interno o pratyahara, e dalla concentrazione o dharana ed è definita come concentrazione ininterrotta della mente su un singolo oggetto. Il frutto della meditazione è il samadhi, l’unione dell’anima individuale con l’anima universale. Quella che in tutte le tradizioni spirituali viene definita estasi.

Il primo requisito per la meditazione è il mantenere il corpo immobile, la posizione (asana) deve essere stabile e confortevole (sthira e sukha); le posizioni più indicate sono la posizione semplice o Sukhasana, la posizione perfetta o Siddhasana e la posizione del loto o Padmasana. Ma se non riusciamo a rimanere in una di queste posizioni, possiamo meditare seduti su una sedia, avendo l’accortezza di mantenere la colonna vertebrale allungata. I giusti atteggiamenti per trovare il proprio centro interiore, in linea con gli Yama e Niyama degli Yoga Sutra di Patanjali, sono: auto accettazione e gentilezza.

Anche il posto in cui meditiamo riveste la sua importanza, anche se è possibile meditare ovunque e in qualsiasi momento. L’ideale sarebbe poter ricavare un angolino tranquillo dedicato solo alla meditazione, e, se ci fa piacere, adornarlo con un immagine che per noi rappresenta il divino, candele, incenso, fiori. In questo modo, l’ambiente si impregnerà delle vibrazioni della meditazione e ci sosterrà nei nostri tentativi. Allo stesso modo, per cooperare con le influenze magnetiche, l’ideale è meditare rivolti verso est. I momenti migliori sono all’alba e al tramonto, oppure a mezzogiorno è mezzanotte, quando il sole è allo zenith; anche i giorni degli equinozi e dei solstizi. Se non possiamo meditare in questi momenti, meditiamo comunque quando ci è possibile. Se possibile, manteniamo sempre lo stesso orario per la meditazione, anche questo ci aiuterà a farla diventare un’abitudine. Come per le pratiche fisiche, è meglio praticare a stomaco vuoto.

Continua su Yogapedia.it »